Archivio Attivo Arte Contemporanea
http://www.caldarelli.it

torna | home

Galleria d'Arte Il Salotto via Carloni 5/c 22100 Como
su quel sasso c'era scritto... c'era scritto su quel sasso

mostra tematica interdisciplinare
23 ottobre - 18 novembre 2004

Gaetano Orazio
Trovante - 2002
tecnica mista su carta - cm.41 x 34


Gaetano Orazio - note biografiche

Gaetano Orazio nato ad Angri (Sa) nel 1954. Il suo percorso artistico risale al 1980 circa. Fin dall' inizio la sua ricerca pittorica indirizzata ad un realismo espressivo-drammatico che si stempera verso una partecipazione lirica sostenuta da emozioni soggettive. Dipinge esclusivamente per tematiche; i primi lavori di impronta espressionista risentono dei luoghi in cui vive: il lavoro della fabbrica, la Falk di Sesto S. Giovanni, le periferie; predilige la figura umana e i suoi disagi. Molti anni trascorrono in una ricerca di equilibri, luoghi, atmosfere a volte cupe. Fondamentalmente, dal '90 in poi, l'incontro con il torrente che scorre accanto all'abbazia di S. Pietro al Monte in Civate (Lecco). Da qui nascono i temi Paesaggi interiori, Teschi e farfalle il ciclo delle Salamandre quello di Fabula, dei Due respiri, il tema del Trovante; accanto a questi cicli, periodicamente mette mano alle Crocifissioni che sfociano nell'ultima serie de La stessa condizione. Accanto al lavoro pittorico matura un linguaggio poetico e pubblica in tirature limitate le raccolte di poesie Autunno aeraulico, Come le spine, Pozze d'acqua, e per ultima Hotel Brianza. Molte e lunghe da elencare le mostre personali e collettive sia in Italia che all'estero. Altrettanto ampio l'elenco dei poeti e letterati che hanno collaborato e scritto per lui. Nel 2004 la Rai 3 gli dedica uno spazio nella trasmissione "Passepartout" a cura di Philippe Daverio che pone attenzione al suo linguaggio poetico - pittorico lontano da mode e clamori del mercato dell'arte.
Gaetano Orazio vive a Cremella in provincia di Lecco.

per conoscere meglio l'autore

torna | home

Il Copyright © relativo ai testi e alle immagini appartiene ai relativi autori per informazioni scrivete a
miccal@caldarelli.it