Archivio Attivo Arte Contemporanea http://www.caldarelli.it

 

Marc Chagall
1908-1985

testi di:
Sylvie Forestier
Nicoletta Misler
Dmitrij Sarb'janov
Lionello Venturi
Laura Lombardi
Artificio Edizioni
Leonardo De Luca Editori
Firenze 1992
303 pp 24 x30 cm.
ill. b/n e coll.
lingua:italiano
ISBN 88-7813-449-X

Nel panorama dell'arte contemporanea mondiale Marc Chagall (Lyozno-Russia 1887- Saint-Paul-de-Vence - Francia 1985) rimane unico, non omologabile a particolari correnti artistiche per quel suo proprio immaginario fatto di pacata ironia e profonda introspezione di una realtà vissuta attraverso la quale riesce a focalizzare ampie problematiche del nostro tempo. Tra le più organiche ed esaustive mostre organizzate in Italia dell'opera di Marc Chagall si ricorda quella al Palazzo dei Diamanti di Ferrara (22 settembre 1992 - 3 gennaio 1993) così introdotta da Franco Farina "[...] La sua poetica è in verita contrassegnata da un campionario figurativo che investe la famiglia, il paese d'origine, la vita dei contadini, i sogni ad occhi aperti della giovinezza, il circo, il rito e le tradizioni ebraiche askenazite e gli animali, figurazioni che variamente assemblate consentono letture e suggestioni diverse dove lo stupefacente impiego del colore suggerisce più minuziose letture dell'insieme, insieme determinato da un sempre nuovo ordine delle cose: in ultima analisi una gamma complessa di impressioni visive cadenzate da ritmi formali inusitati che danno luogo ad un sistema figurale che è anche filosofico e che attraverso il contingente e l'immediato vuole alludere ad una visione globale del pianeta uomo. Una visione personale quindi, dove poesia e lirismo coesistono con passato e presente, interferendosi per costuire una dimensione pittorica alta ed altra e dove la struttura del quadro sempre coerente negli assunti, sottolinea il fondamentale valore dell'individuo e delle sue potenzialità filtrate da una rigorosa visione estetica. Infatti Marc Chagall ha avvertito l'esigenza categorica di essere se stesso affidando il proprio futuro ad una iconografia che si è modificata gradualmente nel tempo, ubbidendo e seguendo un percorso di progressivo affinamento nel mezzo pittorico".
Il catalogo documenta ampiamente con testi teorici e schede critiche la produzione di Chagall dal 1908, anno del suo trasferimento a San Pietroburgo, per completare gli studi di pittura, fino al 1985, anno della sua morte avvenuta in Francia a 98 anni. Una vita intera dedicata all'arte che attinge al vissuto e al ricordo, fatta di una pittura complessa, quasi musicale, dove figure e motivi sono come strumenti, colori come ritmi e linee come melodie e dove il tempo si frantuma in una sospensione quasi metafisica. . (R.M.)

 


Il Copyright © relativo ai testi e alle immagini appartiene ai relativi autori per informazioni scrivete a miccal@caldarelli.it
Entire contents are under copyright . All rights reserved. For information write us through E-mail miccal@caldarelli.it

TORNA ALL'INDICE