Archivio Attivo Arte Contemporanea
http://www.caldarelli.it


COSMOGONIE
il grande mistero dell’universo esplorato da
Paolo Barlusconi
una rassegna in progress dal 2005 a cura di Michele Caldarelli

  
dal 29 febbraio al 22 marzo 2020
COSMOGONIE
per il 25° appuntamento è a Soncino (CR)
presso il

Museo della Stampa - Via Lanfranco, 6 - Soncino


                            

con
Viaggio al centro dell'Universo

La presenza di Cosmogonie presso il Museo della Stampa di Soncino vuole essere un omaggio alla Famiglia dei Soncino
(che fra i primi utilizzarono le innovazioni tecnologiche della stampa)
proponendo qui un esempio innovativo nell'utilizzo della stampa fotografica, con particolare riferimento alla luce
e all'esperienza della scienza catottrica/diottrica, come mezzo espressivo e contemporaneamente esperienza simbolica.

CLICCARE SULLA MINIATURA PER VEDERE ALTRI LASERGRAMMI

Le opere esposte sono denominate "Lasergrammi"

poiché realizzate impressionando l'effetto della scomposizione di un raggio laser su carta fotosensibile.
Si vuole, con esse, proiettare virtualmente l'osservatore nel centro del Cosmo e simultaneamente in quello della Terra.
Si ricalcano, in questo modo, da un lato un'esperienza di viaggio mistica come immaginata da Athanasius Kircher
nell'Iter Extaticum e nell'Ars Magna Lucis et Umbrae, e dall'altro gli studi di ottica in ambito scientifico,
dalle prime osservazioni col cannocchiale di Galileo alle esperienze di Angelo Secchi fondatore della spettroscopia astronomica,
alla teorizzazione della espansione del Cosmo di Hubble e allo studio del Big Bang.

I "Lasergrammi" 
costituiscono una produzione parallela e integrante a
quella delle opere realizzate da Paolo Barlusconi con i materiali più disparati di uso quotidiano.

Materiali questi, di produzione industriale, utilizzati come elementi, segni alfabetici o grammaticali per articolare un racconto. Ogni opera viene creata, più che plasmando la materia secondo i principi della pittura o della scultura, provocando, agli occhi dell’osservatore, una sorta di passaggio di stato degli oggetti utilizzati, ponendo in comunicazione due universi paralleli attraverso una sorta di paradosso. Concentrando l’attenzione sulla forma semplice, propria degli oggetti, resa irriconoscibile ad un primo esame, trasformandola in qualcosa di enigmatico e completamente nuovo. L’estro creativo però non è lasciato al caso... ogni opera viene anzi elaborata tenendo presenti regole e funzioni geometrico-matematiche di proporzionamento (la Sezione Aurea, ad esempio) in base alle quali tutto viene strutturato secondo rapporti di equilibrio la cui ragion d'essere è scandita dai numeri. Operando così una rivisitazione degli oggetti a livello formale, a prescindere dalla loro funzionalità, ogni elemento diventa il mattone, il modulo con il quale viene creata l'opera; si potrebbe parlare di una metamateria, cioè di una materia che va oltre la propria funzione originaria, oppure, anche di una trasfigurazione dell'oggetto di uso comune.

Per informazioni sul museo: tel 0374/84883
info@museostampasoncino.it


opere | note biografiche | indice | saggi interdisciplinari | home
programmi e date degli incontri interdisciplinari


Il Copyright © relativo ai testi e alle immagini appartiene ai relativi autori per informazioni scrivete a
cosmogonie@caldarelli.it